Ritorno a casa: Un nuovo inizio (Parte 2)

Racconti romantici
5. Jun 2024
2560 views
Ritorno a casa: Un nuovo inizio (Parte 2)

                                                                - 6- 

Leonardo sedeva ancora nella hall dell'hotel, sorseggiando un bicchiere di whisky.

L'incontro improvviso con Olga aveva risvegliato in lui tutto ciò che aveva cercato di dimenticare. La cosa più terribile era che sapeva che Lisa lo stava aspettando, ma non aveva alcuna voglia di tornare da lei.

Improvvisamente sentì dei passi dietro di sé.

Si girò e vide Olga, ferma come se fosse stata colta in flagrante.

Con un gesto, Leonardo invitò la sua ex moglie a sedersi accanto a lui. Era già abbastanza ubriaco e la figura di Olga gli appariva un po' sfocata, ma cercava di mantenere il controllo.

Lei si sedette di fronte a lui, accavallando le gambe. Guardando Leonardo con i suoi grandi occhi azzurri, Olga si rese conto che quel ragazzo le faceva battere di nuovo il cuore.

Leonardo invece cercava di mantenere il controllo a tutti i costi.

«Un uomo adulto, e ancora così! Cosa pensi di offrirle? La tua solita vita frenetica, i viaggi, e ora anche gli orari che non coincidono?! E chi ti ha detto che è qui per questo? Lascia perdere...»

I pensieri di Leonardo furono bruscamente interrotti da Olga, che si avvicinò risoluta, alzandogli il mento. Guardandolo con una miscela di curiosità e desiderio, indicò con un cenno la scala che portava alla sua camera.

Leonardo capì senza bisogno di parole. Abbracciando Olga per la vita, si avviò barcollando verso il corridoio.

Quando la porta si chiuse dietro di loro, Olga si girò bruscamente e lo baciò con passione.

– Cosa stiamo aspettando? – sussurrava all'orecchio dell'ex marito, mentre si toglieva il vestito. Al chiaro di luna, il silhouette di Olga era affascinante…

– Vieni da me... mia... – sussurrò Leonardo, e nello stesso istante gemette per le carezze dell'ex moglie. Olga sembrava essere completamente felice… per non parlare di Leonardo stesso...

Più tardi, distesi sul letto come due stelle marine, gli ex coniugi fissavano il soffitto:

– Leo, devo confessarti una cosa...

– Cosa, cara?

– Insomma… beh…

Leonardo si alzò su un gomito e guardò attentamente l'ex moglie:

– C'è qualcosa che non va?

– Un bambino…

– Che cosa c'è che non va?

– Non interrompermi… insomma, pensavo davvero che fosse di Enzo... ma...

Leonardo la guardava con occhi spalancati:

– Continua…

– Insomma, non è suo.

Leonardo cominciava a irritarsi per la lentezza con cui Olga parlava. Era furioso, non riuscendo a capire cosa volesse dire.

– Olga, non capisco nulla. Mi ero appena calmato, avevo superato tutto, e ora? Cosa stai cercando di dire?!

– È tuo figlio!

Un silenzio di piombo cadde nella stanza. Leonardo espirò lentamente e guardò Olga con sorpresa:

– COSA?

– Ne ero scioccata anch'io. Ero sicura che fosse suo! Ma quando è nato, ho visto che aveva gli occhi scurissimi! Proprio come i tuoi!

– E hai taciuto tutto questo tempo?! Sei impazzita?!

– Non mi avresti mai creduto, – sospirò Olga abbassando la testa rossa sulle ginocchia.

– Capisci che dobbiamo andare subito a prendere il bambino? Subito!

Non vedeva l'ora di conoscere suo figlio. Per anni Leonardo aveva cercato di accettare il destino che gli aveva tolto la possibilità di avere figli – e ora scopriva che era già padre da diversi anni!

– Calmati, per favore, – rise Olga, – dobbiamo almeno dormire un po'.

– Va bene, va bene, – borbottò Leonardo, – ma mostrami almeno una foto! Pazza donna!

Alzandosi elegantemente dal letto, Olga frugò nella borsa, e dopo qualche minuto Leonardo stava già guardando la foto di suo figlio.

– Ma dai! – esclamò, – perché non me l'hai detto prima?! Oh, Olga!

Si alzò e la fece girare per la stanza, abbracciandola sempre più forte.

                                                                   - 7 -

La mattina seguente, Leonardo si svegliò molto presto. I ricordi della notte trascorsa gli provocavano un piacevole calore in tutto il corpo. Attraverso l'enorme finestra panoramica, i primi raggi del sole inondavano di luce la spaziosa stanza dove soggiornava Olga.

Sapeva già che non sarebbe tornato da Lisa. Sentiva un disgusto profondo nel realizzare che, dopo tanti anni, nulla era cambiato. Ma la realtà era che non poteva più resistere a se stesso. Gli era totalmente indifferente il tradimento della sua ex moglie e lo stile di vita che lei conduceva prima del loro incontro della sera precedente. Adesso desiderava solo una cosa: essere di nuovo accanto a quella donna.

Leonardo tirò fuori il telefono dalla tasca e compose a memoria il numero familiare.

Nel frattempo, Lisa era seduta in cucina a bere il caffè del mattino. Sfogliando le notizie del giorno, notò solo di sfuggita che Leonardo non aveva chiamato da un paio di giorni. Con sua sorpresa, Lisa si rese conto che, da quando lui era partito per il viaggio di lavoro, si sentiva incredibilmente tranquilla.

All'improvviso, il cellulare si animò e sullo schermo comparve il nome "Leo".

"Beh, eccoti… ora o mai più."

– Buongiorno... – la voce di Leonardo era seria, – Lisa, volevo...

– Leonardo, – lo interruppe lei, – so che sarà strano sentirlo da me... ma... insomma, vorrei lasciarti. Ho pensato molto in questi giorni... e... beh, non funziona tra noi, lo sai anche tu. Da tanto tempo ormai non funziona... sono stanca, Leo. Scusa. Manderò le tue cose a casa. Non venire. Scusa...

Con queste parole, Lisa riattaccò e spense il telefono. Quello fu il loro ultimo contatto.

Sconvolto dalla notizia improvvisa, Leonardo rimase lì a fissare lo schermo del telefono. Non riusciva a capire se fosse uno scherzo o una coincidenza incredibilmente fortunata.

Ripresosi, tornò in camera.

In realtà, non gli importava se Olga avrebbe accettato di stare di nuovo con lui o se sarebbero rimasti solo amanti – l'importante era che lei fosse di nuovo accanto a lui.

Olga era perfetta per i suoi desideri. Con lei, c'era sempre la sensazione di perdere qualcosa, sempre la paura che un movimento sbagliato potesse allontanarla. Per questo, lei suscitava in lui un'incessante voglia di dimostrare il proprio valore e di tenerla vicina, volta dopo volta.

Nel profondo del suo subconscio, Leonardo sapeva quanto patetico potesse sembrare agli occhi della sua amata, ma non gli importava.

Olga si era già svegliata e stava seduta alla finestra, contemplando la bellezza della città al mattino. Notando l'ingresso di Leonardo, si alzò per avvicinarsi a lui.

– Buongiorno, – sorrise maliziosamente, sfiorando con le labbra la sua guancia. Lui le strinse la mano e la baciò con sentimento, guardandola dritto negli occhi.

– Ti comporti in modo strano, – disse Olga con diffidenza guardando l'ex marito, – è successo qualcosa?

– Sì, – annuì Leonardo, inginocchiandosi, – è successo che voglio davvero provare tutto da capo. Con te. E con nostro figlio.

Guardandolo pensierosa, Olga rievocava gli eventi dei giorni passati.

– Leonardo… capisco che la notte scorsa ti abbia scioccato, ma… sei sicuro?

Con queste parole, si avvicinò a Leonardo e, guardandolo intensamente, lo fissò dritto negli occhi.

Da quello sguardo penetrante, Leonardo si sentì confuso. Si leccò le labbra, respirando pesantemente e non credendo che la sua amata gli avesse appena dato di nuovo il consenso per un futuro insieme… Tuttavia, pensando al figlio, tutti i dubbi svanirono.

– Sicuro. – e questa volta, nemmeno un muscolo del suo viso si mosse. – Andiamo!

– Non avere fretta, – Olga gli accarezzò dolcemente la guancia: «Con Fabio è tutto a posto, è dai miei genitori. È assolutamente felice e contento. Devo prepararli al nostro arrivo.»

                                                                  - 8 - 
 
Presto la coppia tornò nella loro città.

Lisa non aveva mentito: le cose di Leonardo lo aspettavano nella sua villa, accuratamente impacchettate e inviate dall'ex fidanzata.

– Sono felice di essere di nuovo qui… disse Olga. Dopo una pausa, aggiunse: «Essere qui con te.»

Leonardo la guardò con un sorriso riconoscente, socchiudendo gli occhi castano scuri per il piacere di averla accanto.

Leonardo provò una sensazione da tempo dimenticata, un sentimento struggente nel petto. Come se non ci fossero stati tradimenti, né divorzi. Come se si fossero trasferiti in quella villa solo ieri.

– Vado a farmi una doccia! – si sentì dalla stanza da bagno.

Leonardo stava vicino alla finestra, guardando il giardino. Fino a poco tempo fa, stava pensando di trasferirsi, ma con il ritorno di Olga, aveva immediatamente scartato quell'idea.

Decise di unirsi alla sua amata.

Aprendo la porta del bagno, si appoggiò allo stipite, ammirando la scena davanti a lui.

Olga stava sotto il getto d'acqua calda, sciacquando via lo shampoo dai capelli. Notando che era osservata, fece un gesto per invitare il suo osservatore a raggiungerla.

Avvolgendosi tra le braccia della donna che amava, Leonardo provò per la prima volta dopo molti anni qualcosa di simile all'euforia – e ora voleva prolungare quella sensazione il più a lungo possibile.

La abbracciava dolcemente da dietro, baciandole le spalle e guardando languidamente il suo riflesso nello specchio.

– Quanto sei bella… – sussurrò piano Olga, che poi si voltò per ringraziare Leonardo con un bacio appassionato.

Ricoprendola di baci su ogni millimetro del suo corpo, sentì di nuovo un'incredibile felicità.

                                                               - 9 -

Leonardo continuava a lavorare molto e a malapena riusciva a dormire prima di affrontare un'altra giornata intensa.

Il lavoro era tanto, ma ora tutto aveva un nuovo significato.

Quando Olga si svegliava, Leonardo era già pronto per uscire di casa.

– Dove vai di buon mattino?

– Ascolta, – disse lui, versandole un caffè, – oggi potremmo andare a prendere Fabio? Capisco che ormai è abituato ai tuoi genitori, ma non credi che starebbe meglio con noi?

– Hai ragione, avremmo dovuto farlo già da tempo.

Dopo un momento, Olga stava già componendo il familiare numero di casa. Gli squilli dall'altra parte non durarono a lungo:

– Pronto?

– Mammina, cara, come state? – cinguettò Olga.

– Tesoro! Tutto bene. E tu? Come va il lavoro? Quando vieni a trovarci?

– Mamma, possiamo venire da voi stasera? – abbassò il tono e quasi sussurrò: «Non sarò da sola.»

– Davvero? E con chi? – si meravigliò la madre dall'altra parte del filo.

– Oh, mamma, – Olga accese una sigaretta e soffiò anelli di fumo, – io e Leonardo siamo tornati insieme.

– Olga! – esclamò ridendo la madre, – Sono felice che tu abbia cambiato idea. Leonardo è un brav'uomo, te l'ho sempre detto, lo sai.

Leonardo aveva un grande rispetto per i genitori della sua amata, e questo era reciproco. Era così felice di aver ricostruito la sua famiglia che era difficile descriverlo a parole.

Dopo un'ora tirò fuori dal garage la sua nuova Maserati.

Il viaggio sarebbe stato lungo. Ma una volta deciso di partire oggi e avvisati i parenti, non c'era modo di tornare indietro.

Caricate le cose sul sedile posteriore, Olga si sedette soddisfatta sul sedile anteriore.

Durante il viaggio verso i genitori, chiacchierava senza sosta, distraendo di tanto in tanto Leonardo, ma alla sera arrivarono finalmente a destinazione e, stanchi ma contenti, si fermarono davanti al cancello della casa dei genitori di Olga.

Notando un po' di movimento vicino alla recinzione, un ragazzo riccioluto di nove anni guardò sorpreso nel buio. Guardando la nonna con i suoi enormi occhi quasi neri – proprio come quelli di suo padre! – chiese timidamente:

– Nonna! Che cos'è?

La nonna si affacciò alla finestra e fece l'occhiolino al nipote:

– Una sorpresa, Fabio. Vestiti in fretta, andiamo!

Quando uscirono nel cortile, Fabio corse felice tra le braccia aperte di Olga:

– Mamma! Mamma è arrivata!

Olga strinse suo figlio in un abbraccio. Non si vedevano da così tanto tempo! Di nascosto, asciugava le lacrime che stavano per scendere.

                                                                - 10 -
 
La sera era già trascorsa da alcune ore.

La famiglia si era riunita attorno a un grande tavolo.

Fabio osservava il padre con curiosità. Era così inaspettato che fosse venuto con la mamma. Fabio non l'aveva mai visto prima e si meravigliava di quanto fossero simili. Dentro di sé provava sentimenti contrastanti: la gioia per l'arrivo del padre e il risentimento per il fatto che non fosse stato con lui tutto questo tempo. Il ragazzo vedeva quanto fosse felice sua madre e si convinceva che tutto sarebbe andato bene.

Il giorno successivo Leonardo fece una capatina nella sua stanza e si appoggiò allo stipite della porta.

– Ciao, figlio!

Fabio fissava Leonardo con occhi sgranati e, in quel momento, si sentiva completamente felice. In un istante aveva trovato una famiglia intera.

– Insomma, dopodomani torniamo tutti e tre in città. Noi tre insieme, – con queste parole, lei strinse forte il suo adorato figlio al petto e iniziò a coprirlo di baci sulla testa.

Il bambino, entusiasta, saltò fuori dalle coperte e iniziò a saltare sul letto.

Leonardo guardava fuori dalla finestra e pensava che stava facendo la cosa giusta. Una volta ancora ringraziava le forze superiori per quell'incontro inaspettato con Olga, che aveva stravolto tutta la sua vita.

                                                                - 11 -

Leonardo camminava e… pensava a Lisa.

Tirò fuori il cellulare dalla tasca e compose a memoria il numero familiare.

Dopo un paio di squilli, sentì:

– Pronto? Leonardo?

– Ascolta… perdonami, per favore. No, aspetta, non interrompermi… so che tra di noi è sempre stato difficile… e… perché tormentarsi…

– Ma io non mi tormento, perché lo dici?

– Davvero?

– Davvero, Leo. Come stai?

– Sono tornato con Olga, – rispose lui, quasi come un resoconto.

Lisa si avvicinò alla finestra e sorrise:

– Sono così felice di sentirlo! Dimmi, ora sei felice?

– Immensamente! – esclamò Leonardo, – ascolta, davvero, quello che sta succedendo tra noi ora è una sorta di magia…

Lisa?

Ma in risposta sentì solo il segnale di chiamata interrotta e fissò sorpreso lo schermo spento del cellulare.

Nel frattempo, Lisa sussurrava di nuovo una preghiera con le sole labbra, affinché il suo uomo amato fosse finalmente felice.

Come aveva fatto per tanti anni.

Comments

No comments has been added on this post

Add new comment

You must be logged in to add new comment. Log in
Categories
Racconti romantici
Narrazioni brevi che esplorano temi di amore e sentimenti, mettendo in risalto le emozioni, le passioni e le relazioni tra i personaggi.
Lately commented
Sei una agenzia? Creare un account
Utente non registrato
Ciao wave
Benvenuto! Accedi o registrati