L'Amore a Doppio Filo

Racconti romantici
31. May 2024
1266 views
L'Amore a Doppio Filo

                                                                 1

Dalla finestra della villa si apriva una vista splendida: un prato verde ben curato, lettini bianchi, e nel piscina le ragazze in costumi da bagno colorati giocavano sotto la supervisione della tata. Più avanti c'era il bellissimo Mar Mediterraneo, con il suo incredibile colore dell'acqua, i riflessi del sole e gli yacht bianchi. Maggio era stato caldo e soleggiato.

Marina bevve un sorso di acqua minerale fredda; negli ultimi giorni era stato insopportabilmente caldo, anche se la temperatura non era così alta. Le ragazze di certo si stavano divertendo. Aurora e Cristina sembravano due piccoli diavoletti, abbronzate, con capelli scuri e ricci, vivaci e dispettose. Beh, niente di sorprendente, erano tutte come il loro padre.

Alessandro, invece, era completamente diverso: serio, riflessivo, un vero piccolo uomo. Aveva gli stessi occhi marroni e lo sguardo attento del padre. Marina non voleva nemmeno immaginare quanti cuori femminili avrebbe spezzato quando sarebbe cresciuto. Per non parlare del fatto che già a quasi cinque anni faceva impazzire tutte le bambine e l'insegnante all'asilo che frequentava.

Questa villa le era stata regalata da Francesco, come aveva promesso: i regali di un amante dovevano essere ancora più belli di quelli di un marito, e così fece. Vlad lo aveva guardato torvo per una settimana, ma poi si era calmato. Facciata bianca, piscina lussuosa e spiaggia privata. Molto costoso, ma ne valeva la pena.

Uomini adulti e rispettabili, ma in realtà ragazzi. E a cosa le serviva una villa? Ma si rivelò persino meglio, qui era più sicuro. Marina ne aveva abbastanza dei nervi spesi alcuni anni fa, e anche il passato dei suoi uomini amati non era lontanamente perfetto e giusto; i nemici si trovano sempre.

Guardò di lato, la sicurezza si nascondeva all'ombra, e aumentava sempre quando Francesco e Vlad partivano per l'Ungheria. Là era rimasto il business, la scuola sportiva per bambini di Vlad, il suo hotel, e qui Vlad aveva aperto anche un club fitness con sezioni per bambini. Francesco progettava di comprare un ristorante. La vita non si fermava mai, tutti erano occupati, e non semplicemente a prendere il sole, anche se potevano permetterselo facilmente.

Guardò il telefono, doveva mandare una macchina a prendere Alessandro dal asilo privato. Voleva andarci lei stessa, ma ci ripensò, e non c'erano né messaggi né chiamate dagli uomini.

Non poteva sopportare fisicamente quando partivano. Continuava a preoccuparsi che dovesse succedere qualcosa, e sicuramente qualcosa di brutto. Ma subito scacciava quei pensieri. Da giorni aveva delle sensazioni strane, si svegliava eccitata al mattino, con la camicia da notte attaccata al corpo sudato. Molto strano.

Si allontanò dalla finestra, si sedette alla scrivania, doveva controllare i documenti dell'hotel inviati dal manager. Certo, dirigere da lontano non era come essere sul posto, ma Marina pensava di farcela. Era una fortuna aver trovato un manager competente, dopotutto non voleva vendere l'hotel, come insisteva Francesco. C'era troppo legata a quel luogo.

Bevve ancora un po' d'acqua, faceva caldo, il condizionatore funzionava bene.

    Ma cosa sta succedendo? - sussurrò, sciogliendo i laccetti del vestito sulla schiena, aprendo leggermente.

Doveva ricontrollare il menu e chiamare gli ospiti invitati per il compleanno di Francesco. No, Marina non poteva credere che avesse già cinquanta anni, era impossibile. Dal momento del loro incontro era diventato ancora più affascinante e misterioso, con lo stesso sguardo che le faceva venire i brividi sulla pelle.

  -  Signora Parisi, posso entrare?

Marina non aveva nemmeno sentito la porta aprirsi, si voltò rapidamente, poi gridò, saltando su e correndo ad abbracciare l'uomo, sentendo le sue braccia forti attorno al suo corpo.

   - Vlad, perché non hai chiamato? Ero in pensiero.

Si stringeva più forte, mentre Vlad, sollevandola da terra, la faceva girare leggermente in aria, baciandola sulla testa.

  -  Anche tu mi sei mancata, cara.

  -  E dov'è Francesco? Cosa gli è successo?

Cercava di leggere nei suoi occhi, come se cercasse la risposta che tutto andava bene e che sarebbe apparso da un momento all'altro. Che strana essenza aveva, a volte la paura la sopraffaceva, pensando di poter perdere qualcuno di loro. Che, per esempio, Francesco potesse incontrare un'altra donna? Che si sarebbe stancato della loro unione a tre? Teoricamente poteva succedere. Perché no? Siamo tutti persone con le nostre debolezze e vizi.

Doveva andare a prendere Alessandro.

   - È già arrivato. Noi ci occuperemo dei bambini, inoltre Francesco ha portato un sacco di regali. Vai a farti una doccia.

   - Avevo chiesto di non fare regali, avete viziato i bambini.

   - Oh, la mamma severa si è svegliata. Viziamo i nostri figli quanto vogliamo. Non essere gelosa, donna, anche per te c'è un regalo.
    
                                                                   2
    
  -  Papà! Papà! Papà è tornato!

Le ragazze saltavano in piscina, agitando le braccia con i loro vivaci braccioli da nuoto.

– Certo che sono tornato. Come potrei non tornare da voi? E ho portato un grande sacco di regali, – Vlad si avvicinò, salutò la tata che sorvegliava le ragazze, togliendosi la camicia e i pantaloni e gettandoli sul lettino.

– Nuotiamo! Andiamo a nuotare! – Cristina e Aurora sorrisevano ancora di più, nuotando rapidamente verso Vlad, abbracciandolo da entrambi i lati.

– Siete proprio le mie principesse preferite.

Le baciava una per una, sentendo un'incredibile felicità diffondersi nel corpo. Come si poteva non amarle? Non amare la loro mamma? Non amare Alessandro, così serio, ma pur sempre suo figlio.

– Ragazze, vi siete comportate bene? Avete ascoltato la mamma e la tata?

– Sì, molto bene.

– Ehi, ragazzi, venite qui, – gridò Francesco, che teneva Alessandro tra le braccia, stando all'ombra.

– Alessandro, Alessandro, vieni da noi, – chiamavano in coro le ragazze.

Francesco guardò Vlad felice, poi suo figlio. Aveva quasi cinque anni, ma era già così serio e riflessivo.

– Alessandro, come va all'asilo?

– Tutto bene, stiamo imparando lo spagnolo e anche l'inglese.

– Oh, bravo. Ti piace imparare le lingue?

– Sì, è interessante.

– E cos'altro fate? – Francesco era curioso di parlare con suo figlio, non si sdolcinava con lui come con le ragazze, ma parlava da pari a pari, come con un uomo, sebbene piccolo.

– Stefan, quando ha saputo che ho due papà, ha detto che dovevo dargliene uno, perché lui ha due mamme.

– Oh, e chi è Stefan?

– Un mio amico all'asilo. Ho detto che non ne avrei dato nessuno.

– E non ti ha sorpreso che lui avesse due mamme?

– No, non mi ha sorpreso.

– Infatti, perché dovrebbe sorprenderti? – Francesco sorrise, baciò suo figlio sulla guancia, Alessandro fece una smorfia ma lo abbracciò in risposta, appoggiando la sua guancia alla barba ispida del padre. – Forse andiamo in piscina, guarda come si divertono?

– Andiamo, – Alessandro sorrise e guardò suo padre.

Marina uscì dalla doccia, si avvolse in un asciugamano. Dal guardaroba prese un vestito leggero, gettò via l'asciugamano e iniziò a guardarsi involontariamente nel grande specchio.

Aveva già trentotto anni, naturalmente, il corpo dopo due gravidanze non era perfetto, ma comunque in buona forma. Pelle liscia e abbronzata, il seno era diventato più grande negli anni.

Come avrebbe vissuto senza di loro? Senza i suoi uomini? Era spaventoso immaginare di non avere Alessandro e le ragazze. Avrebbe continuato a ricordare il suo primo amore avvelenato.

Dalla finestra aperta della camera da letto si sentivano i gridolini e le risate dei bambini. Indossò la biancheria intima, il vestito, e uscì. L'acqua della piscina ribolliva, Aurora e Cristina si arrampicavano su Vlad e si tuffavano in acqua urlando, anche Alessandro si arrampicava su di lui. Francesco li spruzzava con l'acqua.

Vicino a loro correva il labrador Charlie, portato con loro, che girava attorno alla piscina abbaiando rumorosamente. Sembrava che nella loro villa ci fosse un carnevale.

Erano incredibili, forti, in forma, non sembrava possibile che Francesco compisse cinquant'anni domani. Nessuno avrebbe creduto a quella cifra. Arriveranno gli ospiti, Marina aveva preparato una sorpresa, sarebbe stato divertente.

– Mamma, vieni da noi, – Alessandro la chiamava agitando la mano. – Guarda cosa so fare.

Si arrampicò sul bordo e si tuffò in acqua raccogliendo le gambe. Marina rise, era così felice di vederli tutti insieme, ma improvvisamente si sentì male, si portò le dita alle labbra. Corse in bagno e vomitò quasi solo acqua, la fronte si coprì di sudore.

– Dio, cosa posso aver mangiato per stare così male?

Verso sera i bambini si calmarono, stanchi di giocare, e lei non si sentiva molto bene, a cena non mangiò nulla. Sperava che tutto andasse bene il giorno dopo, non voleva rovinare la festa a Francesco. Si addormentò immediatamente, senza aspettare che gli uomini tornassero dal loro studio, dove discutevano di lavoro. Il giorno dopo doveva alzarsi presto, controllare la consegna dei cibi, i camerieri, il cuoco che sarebbe arrivato, dovevano portare una bella torta.

– Francesco, che ora è?

– È ancora presto, dormi.

– No, cosa dici, non posso dormire.

Marina si sedette sul letto, guardandosi intorno. Era nella loro camera da letto, con mobili bianchi, pavimento fumoso e elementi decorativi, tutto bello e di buon gusto, scelto da lei, e arredò tutta la casa.

– Buon compleanno amore mio, – si chinò a baciare Francesco, gli accarezzò la guancia con la mano. – Ti amo, lo sai.

– Certo che lo so, cara, grazie. E anch'io ti amo tanto.

La mano con il tatuaggio le accarezzava i capelli, baciava le sue labbra morbide, così tenera e assonnata.

– Dov'è Vlad?

– Probabilmente in palestra.

                                                                  3
 
 – Lei è troppo bella.

– Hai ragione. Mia moglie è la donna più bella del mondo.

– Sai, ogni volta che dici "moglie", mi viene voglia di darti un pugno. Avrei dovuto sposarla io, peccato non aver insistito.

– Allora sarei io a darti un pugno.

Gli uomini erano impassibili, osservando Marina che camminava verso di loro lungo la piscina, tra gli ospiti invitati che si trovavano sul prato della villa, decorato con ghirlande colorate e palloncini. Il sole stava già tramontando sul mare, il caldo era sceso, sui tavoli c’erano stuzzichini, alcolici e candele.

Marina indossava un bellissimo vestito lungo color cipria: una profonda scollatura che metteva in risalto il seno, stretto in vita e che scendeva libero, lasciando intravedere maliziosamente il ginocchio e un po' della coscia mentre camminava.

– Dovremmo proibirle di indossare questi vestiti, metà degli uomini qui hanno già girato il collo per guardarla.

– Come ti sembra la festa? – Marina si avvicinò, agitando i fianchi in modo civettuolo, abbracciò Francesco per la vita e lo guardò negli occhi.

– Tutto magnifico, amore, ma non dovevi.

– Come sarebbe, non dovevo? Ci sarà anche una sorpresa. Una dolce sorpresa.

La ragazza lo baciò sulle labbra, sfiorandolo appena, si strinse a lui e fece l'occhiolino a Vlad, poi guardò i bambini che giocavano sul prato, con la sicurezza che correva dietro a loro e il cane. Nell'aria aleggiava la felicità.

Non c’erano molti ospiti, non era un ricevimento mondano, ma era piacevole vedere volti familiari, anche se Francesco diceva che poteva farne a meno. Era venuta Ilona con suo figlio, il marito, come al solito, era in missione. Quel grande uomo che aveva visto un paio di volte, Vincenzo, con sua moglie. Marina non la conosceva ancora, ma la donna era molto appariscente e bella, e Vincenzo non staccava gli occhi da lei, tenendola sempre per mano.

C'erano alcune coppie di vicini, il direttore dell'hotel, il fiduciario signor Antonio con una giovane ragazza che rideva così forte ad ogni sua battuta da far ridere tutti intorno.

– Cosa ti ha regalato Vlad?

– Una pistola.

– Come, una pistola? Che tipo di pistola? Ci sono armi in casa?

– Marina, ci sono guardie armate in casa. Non ti preoccupa?

– C'è qualcosa che non so? Cosa sta succedendo? – Marina si mise le mani sui fianchi e iniziò a fulminare con lo sguardo i suoi splendidi uomini. Ma niente poteva aiutare nemmeno il loro aspetto fantastico.

– Siamo nei guai. Odora di scandalo e divorzio.

– Vi siete rimessi a fare le stesse cose? Non capisco, queste assenze frequenti, questi viaggi, i vostri segreti. Volete lasciarmi sola con i bambini?

L'umore cambiò all'istante, gli occhi si riempirono di lacrime, Marina agitò le mani per non piangere davvero e non rovinare il bel trucco. E poi, aveva davvero paura che potesse succedere qualcosa a loro.

– Ma dai, amore, perché piangi? – Francesco la tirò a sé, abbracciandola e stringendola forte.

– Quando penso a quello che è successo allora, le mani mi tremano. Ho tanta paura di perdervi entrambi. Ho pensato recentemente che potresti incontrare un'altra donna e lasciarci. Lasciarmi. Vlad è mio marito, e per lui sarebbe più difficile trovare un’altra, credo. Sarebbe proprio una porcheria.

– Ecco i pensieri che hai. Vlad, hai sentito? La nostra donna ha già inventato un'intera serie su chi potrebbe lasciare chi. Una serie criminale. Nessuno se ne andrà da nessuna parte e nessuno incontrerà nessun altro. Come ti vengono in mente queste cose? Siamo tornati solo per te, abbiamo smesso per te. E nessuno è coinvolto in nulla. Vlad ha scherzato sulla pistola.

Francesco mostrò il pugno a Vlad, ma in modo che Marina non vedesse.

– Certo che ho scherzato, Marina, cos'hai?

– E ti soffocherò personalmente se farai qualcosa di stupido.

Ora l'umore era cambiato di nuovo, Marina si allontanò leggermente da Francesco, sistemando i capelli, puntando il dito contro il petto di Vlad.

– Ti ho avvertito, e non scherzare. Ho detto tutto. Ora, la sorpresa.

– Aspetta, Marina, non hai altro da dirci?

– Cosa intendi?

Vlad la teneva per il gomito, guardandola negli occhi, e il suo sguardo le dava i brividi.

– Pensa, cara.

– A cosa? Non capisco.

Marina veramente non capiva cosa doveva dire. Cosa volevano gli uomini? Perché la guardavano così, entrambi allo stesso tempo? In cucina c’era la torta, così bella e buona, e ci sarebbero state anche le scintille e i fuochi d'artificio.

– Ma dai, amore. Chi voleva qualcosa di salato ieri? Chi ha avuto la nausea stamattina? – Francesco parlava a bassa voce, con dolcezza, accarezzandole il gomito. – E questi sbalzi d'umore?

Marina aprì leggermente la bocca, guardando i suoi uomini. I pensieri correvano nella sua testa come scarafaggi. Era proprio così. Aveva colto il giusto pensiero, afferrò il braccio di Vlad.

– Sono incinta?

– Beh, non siamo ginecologi, ma abbiamo notato i segni evidenti.

– Non ci posso credere. È vero? Potrebbe essere vero?

– Marina, non spaventarci.

– No, siete sicuri?

– Perché dovremmo essere sicuri? Dillo tu a noi.

– Non lo so. Forse. Non lo so, – gli occhi erano grandi e riflettevano le luci delle ghirlande.

– Allora domani andremo dal tuo medico e scopriremo tutto.

– Dal medico?

– O allo zoo?

– State scherzando?

Francesco e Vlad risero fragorosamente.

– Dovresti vederti dall'esterno.

– Incinta? Non può essere, – si portò una mano alla pancia, riflettendo. – Allora stavo male, ricordate? Tre settimane fa avevo la febbre. Vlad si ammalò anche lui per colpa mia.

– Sì, era come un lazzaretto, poi si ammalarono anche i bambini.

– Ho preso antibiotici.

– Su, cara, tutto andrà bene, domani avremo chiarezza.

Francesco la strinse a sé, inalando il profumo dei suoi capelli e baciandola sulla testa. Solo Marina può essere così tenera, divertente, incredibile. Avranno un altro bambino, non è forse questa la felicità?

– Almeno ora sappiamo di chi è. Buon compleanno ancora – Vlad sollevò il bicchiere in un brindisi, bevve e, chinandosi, baciò Marina sulle labbra.

– Un regalo meraviglioso, amore mio.

– Ma io avevo preparato tutt'altro regalo, – Marina era in una specie di stato di shock. Come aveva fatto a non notare l’ovvio? Si era completamente rilassata.

– Quale?

Come è possibile? È una donna adulta, dovrebbe conoscere il proprio corpo e capire queste cose. E ora, è come se avesse diciotto anni e scoprisse di essere incinta dei suoi uomini, senza nemmeno sospettarlo.

Questo significa essere troppo rilassata, completamente immersa nella sua nuova vita. Non era mai stata pronta per nessuna delle sue gravidanze: Alessandro era come un dono dal cielo, le gemelle erano state inaspettate e difficili, e ora, è spaventoso e del tutto incomprensibile come andrà a finire.

– La sorpresa sarà dopo. Ora la torta.

Fece cenno a qualcuno, scacciando i cattivi pensieri, la musica iniziò a suonare, un cameriere portò una bellissima torta, gli ospiti si avvicinarono, i bambini saltellavano e battevano le mani.

– Adesso il festeggiato soffierà sulle candele ed esprimerà un desiderio.

Marina, prendendo Francesco per mano, lo portò alla torta. L'uomo sorrise, da tanto tempo nessuno gli organizzava una festa del genere. C'erano tante candele, addirittura troppe. Ma non aveva niente da desiderare, tutti i suoi desideri si erano già avverati, grazie a questa incredibile donna e al suo amore.

Ma che nasca un altro maschietto.

Soffiò rapidamente sulle candele, i bambini lo aiutarono, tutti gli fecero ancora gli auguri di buon compleanno, Marina lo abbracciò e lo baciò, Francesco la strinse a sé.

– Hai espresso un desiderio?

– Certo.

– Me lo dici?

– No.

– Fai bene a non dirlo, altrimenti non si avvera.

– Si avvererà sicuramente.

Poi mangiarono tutti insieme la torta, ridevano, i bambini sporcavano di torta il cane e insieme a lui tutta la sicurezza di cioccolato. Ma quando il cielo buio si illuminò con i primi fuochi d’artificio, tutti rimasero in silenzio, ammirando le luci colorate che cadevano direttamente nel mare.

Vlad teneva in braccio le gemelle, che esclamavano di gioia ad ogni esplosione e si aggrappavano al suo collo. Francesco teneva in braccio Alessandro e abbracciava Marina.

– Ti amo, andrà tutto bene, – sussurrò piano, ma Marina capì tutto, solo uomini innamorati possono guardare così, come facevano Francesco e Vlad.

– Ti amo, – lo strinse più forte, abbracciando Vlad con l’altra mano.

Certo che andrà tutto bene, non può essere altrimenti.

Comments

No comments has been added on this post

Add new comment

You must be logged in to add new comment. Log in
Categories
Racconti romantici
Narrazioni brevi che esplorano temi di amore e sentimenti, mettendo in risalto le emozioni, le passioni e le relazioni tra i personaggi.
Lately commented
Sei una agenzia? Creare un account
Utente non registrato
Ciao wave
Benvenuto! Accedi o registrati