Ritorno a casa: Un nuovo inizio (Parte 1)

Racconti romantici
4. Jun 2024
234 views
Ritorno a casa: Un nuovo inizio (Parte 1)

                                                                - 1- 


Si sedettero sulla terrazza, lui le accarezzava le mani e la guardava fisso, dritto nell'anima. I suoi riccioli incorniciavano magnificamente il viso pallido e scavato. Sussurrava qualcosa solo con le labbra, ma Lisa non riusciva a distinguere, anche se lo fissava. Chi l'avrebbe mai detto, non avrebbe mai pensato che avrebbe osservato tali semplici azioni con così tanto piacere.

Ogni movimento di Leonardo, i suoi tocchi, suscitavano in lei un'ondata di emozioni sconosciute fino a quel momento.

Non era per niente simile né all'innamoramento puro, né alla passione, né tanto meno all'amore...

Erano insieme già da molti anni e si raccontavano tutto, come se tra loro non ci fosse mai stato nulla.

Era la fine di agosto e si stavano salutando a lungo e con molta emozione. Tirandole il bavero del cappotto, lui si preoccupava che tra loro non fosse successo nulla. Almeno così diceva.

E due mesi dopo, in un freddo giorno di ottobre, la coppia si abbracciava come se niente fosse, riscaldandosi a vicenda con i baci.

In questo modo, quasi senza accorgersene, erano passati nove anni.

E oggi di nuovo sedevano insieme da lui, anche se solo un paio di giorni prima lui aveva affermato che non erano nemmeno amici.

Per quanto lei lo ricordava, Leonardo era sempre stato così – distaccato, misterioso... e molto attraente.

Aveva diciassette anni quando si conobbero, e allora tra loro ribollivano passioni intense. All'inizio della loro relazione, erano troppo presi dal soddisfare i propri bisogni, e non riuscivano a pensare l'uno all'altro.

Eppure si tormentavano meravigliosamente a vicenda con la gelosia, i giochi psicologici e altre sciocchezze del genere.

Ma gli anni passavano e le passioni si placavano.

E oggi di nuovo sedevano tranquillamente a conversare, come si suol dire, di niente e di tutto.

In questi nove anni, Leonardo era naturalmente cambiato molto – le tempie erano spruzzate di grigio e il viso era segnato da piccole rughe... ma quegli occhi... oh, quegli occhi neri...

Lisa li guardava e si scioglieva, come la prima volta che si incontrarono. Che sensazioni strane, lui non faceva nulla, semplicemente sedeva di fronte a lei.

– Mio...

Nel frattempo, Leonardo si avvicinò di più. Abbracciando la ragazza per le spalle, inspirò il profumo dei suoi capelli e chiuse gli occhi.

– Tuo. Vieni qui.

Con queste parole Leonardo si avvicinò a lei con tutto il corpo e sfiorò dolcemente il suo collo con le labbra.

Per l'ennesima volta Lisa cedette alle sue carezze. Ecco, sa bene cosa la fa impazzire e ne approfitta senza alcun pudore.

– Quando parti?

– Nel fine settimana.

A quel punto Leonardo si avvicinò di nuovo e guardò Lisa dritto negli occhi:

– Mi mancherai, vero?

Nella sua voce si mescolavano ansia, tristezza e una certa curiosità.

– Ma certo, certo che mi mancherai, – si affrettò a rassicurarlo Lisa e lo abbracciò al collo. Accarezzandogli teneramente la guancia, si ritrovava a pensare ancora e ancora che anche se le avessero offerto un'enorme somma di denaro per separarsi da Leonardo, non avrebbe mai accettato. Nonostante tutto quello che lui le aveva fatto.

Non che avesse dimenticato tutto, ma si godeva così tanto la presenza di Leonardo che le era difficile rinunciare a quella "preda" tanto attesa.

Naturalmente, lui era già partito per lavoro in passato, ma questa volta Lisa sentiva molto più acutamente la separazione imminente, poiché Leonardo non se ne andava per una settimana, come al solito, ma per un intero mese.

Il giovane distolse Lisa con un lungo bacio, poi la guardò intensamente negli occhi.

– Prometti che sentirai la mia mancanza.

                                                                 - 2 -
  
Il monotono battito delle ruote sui binari lo faceva addormentare.

Leonardo aveva davanti una settimana impegnativa, con un affare molto importante che, se concluso, lo avrebbe portato a un nuovo livello. L'uomo era pronto per un programma così intenso.

Naturalmente, Leonardo sentiva incredibilmente la mancanza di Lisa, ricordando il suo sorriso, il suo sguardo caldo e tenero, e quei suoi tocchi appena percettibili che lo facevano impazzire...

Guardando i paesaggi che cambiavano rapidamente, Leonardo si rimproverava per gli eventi del passato lontano.

Ricordava come aveva visto Lisa per la prima volta in uno dei club, dove lui e i suoi amici erano andati per noia.

Improvvisamente notò una ragazza magrolina dai capelli castano chiaro, che era venuta con un'amica.

Allora non prese affatto sul serio quella ragazza – pensa, una qualsiasi, insignificante, grigia, non come Olga, con cui stava allora. La donna era più grande di Leonardo di dieci anni, astuta, e proprio per questo aveva attirato quel giovane ragazzo. Era una donna d'affari di grande successo.

Leonardo, ventitreenne, era al settimo cielo dalla felicità e dall'orgoglio che una donna così avesse notato lui! Che cosa incredibile, tutti ne sarebbero stati invidiosi! Proprio Olga! E naturalmente, il ragazzo era immensamente lusingato dall'attenzione di una donna adulta e esperta.

Amava soprattutto svegliarsi e osservare Olga davanti allo specchio, mentre pettinava i suoi lunghi capelli rossi, che si arricciavano leggermente per l'umidità. Le notti con lei lasciavano sempre un'impressione indelebile su Leonardo.

Così passarono sei anni... E se all'inizio la relazione sembrava una favola, alla fine la dura realtà annientò l'anima di Leonardo.

Quando si sposarono, Olga lasciò presto l'azienda, preferendo creare un ambiente domestico accogliente e crescere i figli, che sicuramente sarebbero nati da una tale unione.

Ma gli anni passavano e i figli non arrivavano. Cinque anni di tentativi, accompagnati da infiniti test e visite mediche, si trasformarono infine in litigi domestici con insulti reciproci e rotture di piatti.

Alla fine, Leonardo ricordò quella ragazza insignificante, di cui aveva preso in fretta il numero di telefono, infilato poi da qualche parte nella tasca interna del giubbotto di pelle.

Naturalmente, già prima lui le ricordava periodicamente la sua presenza con qualche SMS ambiguo, tanto che Lisa passava giorni a cercare di capire cosa intendesse il suo amato.

Ma il suo amato, scaricato lo stress o il negatività, tornava da Olga al suo solito regime di esistenza. E cosa pensava quella ragazza timida – ma che importava davvero?

Poi arrivarono tempi difficili con Olga e, infine, arrivò il divorzio come un fulmine a ciel sereno – si scoprì che negli ultimi mesi Olga tradiva spietatamente il suo giovane marito e, alla fine, annunciò di essere incinta.

Inoltre, dichiarò in modo categorico che, dato che Leonardo non era riuscito a darle la gioia della maternità, sarebbe andata con chi ci era riuscito. Sconvolto da questa svolta degli eventi, passò alcuni giorni in uno stato di totale prostrazione, ma poi si riprese, pensò che tutto era per il meglio nel migliore dei mondi e accettò il divorzio.

Era di nuovo libero e incredibilmente attraente per le donne. Gli affari dell'azienda andavano a gonfie vele e questo lo rendeva molto felice.

Forse per noia, o per abitudine, continuava a chiamare Lisa, portandola periodicamente fuori per appuntamenti, durante i quali di solito passeggiavano mano nella mano nel parco. A volte, preso dall'emozione, la baciava, ma quando lei timidamente chiedeva cosa ci fosse tra loro, Leonardo abilmente cambiava argomento su qualcosa di più sicuro.

E ora, dopo un buon decennio, si vergognava incredibilmente per tutto quello che Lisa aveva dovuto sopportare a causa sua.

                                                                  - 3 -
 
Nel frattempo, Lisa non aveva molto tempo per annoiarsi.

Immersa nel lavoro, passava intere giornate in ufficio, concentrata su un nuovo progetto.

Una mattina, dopo una riunione, stava fumando con un collega fuori dall'ufficio. Improvvisamente, il telefono vibrò e sullo schermo apparve "Ciao, tesoro, mi manchi terribilmente. Non vedo l'ora di tornare a casa!"

Lisa fece un'altra boccata e guardò il cielo.

I ricordi la portarono indietro nel tempo, quando soffriva terribilmente per l'amore non corrisposto di Leonardo e non capiva cosa ci fosse tra loro.

Non pensava nemmeno di vendicarsi o fare altre cattiverie, semplicemente ora, dopo tanti anni, non sapeva più come reagire correttamente alle parole e alle azioni di Leonardo.

Perciò rimaneva in silenzio e ogni volta pensava a lungo su cosa rispondere a lui, che fosse il suo amato o un pericolo.

Andarsene, semplicemente, non voleva.

Senza aprire il messaggio, Lisa rimise il telefono in tasca del suo cappotto blu scuro.

Leonardo capiva perfettamente che, dopo tutto ciò che era successo tra loro, avrebbe dovuto lasciarla in pace. Ma i sentimenti erano più forti.

O almeno così gli sembrava.

Con tristezza e speranza, controllava i messaggi, ma tutto era vano: non letto. Nessuna risposta.

Sdraiato a letto, Leonardo fissava ancora una volta lo schermo del cellulare.

Non letto. Nessuna risposta.

Nell'animo si insinuava un'inquietudine indefinita. Cosa poteva essere successo? Perché non aveva ancora risposto né chiamato?

Si alzò dal letto, si infilò i jeans e uscì sulla terrazza, mentre digitava il numero di Lisa.

– Tuuuu... tuuuu... – i lunghi segnali di chiamata ancora davano speranza che la sua amata sentisse il telefono e che la conversazione avvenisse.

– Pronto? ... – il sussurro di Lisa trafisse il silenzio come una lancia, – ah, sei tu...

– Finalmente, – sospirò di sollievo Leonardo, – stai bene?

– Scusami, tesoro, sono così stanca per il lavoro che ho completamente dimenticato il messaggio, sono arrivata a casa e mi sono buttata a dormire. Va tutto bene, e tu?

– Tutto meraviglioso, mia dolce, ero solo molto preoccupato... Non sparire più così, va bene?

– Va bene, – si sentì Lisa ridacchiare brevemente dall'altro capo della linea, – non preoccuparti. Ho un sonno terribile, ci sentiamo domani, ok? Buonanotte, baci...

– Anche io, – stava per rispondere Leonardo, ma dall'altra parte si sentivano già i segnali di occupato.

Rasserenato, Leonardo tornò a letto e si addormentò all'istante.

                                                                  - 4 -
 
In realtà, l'unica cosa che Leonardo desiderava veramente era che Lisa finalmente credesse nelle sue pure intenzioni.

Nonostante lui stesso credesse nei suoi cambiamenti, in realtà rimaneva sempre lo stesso, una persona completamente estranea per Lisa.

Ecco perché la tensione tra di loro era tale che si poteva tagliare con un coltello. Questi continui alti e bassi: a volte Lisa lo accoglieva con entusiasmo al collo dopo un lungo viaggio di lavoro, altre volte era indifferente, come se si conoscessero solo da pochi giorni.

Lisa stessa capiva la tossicità del suo comportamento, ma non poteva farci niente e non voleva. Era così abituata alle sue prese in giro e derisioni, che anche ora, quando lui era veramente serio e mostrava le sue sincere intenzioni, lei si spaventava delle sue manifestazioni di sincerità.

Inoltre, sentiva semplicemente che una persona non poteva cambiare così radicalmente.

Da un lato, era ancora la ragazza innamorata appassionata, pronta a seguire Leonardo fino in capo al mondo. Ma dall'altro… Le sembrava sempre che la favola stesse per finire e che tornasse il vecchio Leonardo, duro, costantemente beffardo, che alla fine la usava! Questi pensieri facevano stare così male Lisa che subito cominciava a spegnere in sé ogni emozione calda nei confronti del suo amato. Andarsene, però, le sembrava una scelta del tutto inaccettabile.

Tutto questo sembrava un circolo vizioso e logorava la coppia, ma erano così innamorati l'uno dell'altro che nessun ostacolo evidente poteva farli desistere o almeno farli riflettere. Dovrebbero lasciarsi, smettere di tormentarsi... ma no...

Nel frattempo, Leonardo era estremamente soddisfatto dell'incontro con i partner e decise di andare al ristorante più vicino per celebrare l'accordo riuscito.

In attesa dell'ordine, Leonardo beveva whisky mentre scriveva un SMS alla sua amata:

«Cara Lisa… ormai è passata mezzanotte e probabilmente dormi, ma non vedo l'ora di condividere! L'incontro è andato bene, siamo molto soddisfatti! Ora ceniamo e poi andrò a riposarmi. Mi manchi tanto! Ti chiamerò domani. Buonanotte.»

Rileggendo ancora una volta il messaggio, Leonardo premette il tasto "invia", poi si unì ai partner che brindavano con i bicchieri, festeggiando l'accordo riuscito.

Nel frattempo, Lisa stava già facendo il decimo sogno quando il cellulare si mise improvvisamente a vibrare nel buio.

Socchiudendo gli occhi per la luce intensa, la ragazza cercò per mezzo minuto di vedere cosa c'era sullo schermo, poi lesse l'SMS.

Un sorriso appena accennato sfiorò le labbra di Lisa.

«Ti manco, eh... piacevole»

«Congratulazioni per l'accordo riuscito! Buonanotte. Baci.»

                                                                    - 5 -
 
Il giorno successivo, scendendo nella hall dell'hotel, Leonardo incontrò inaspettatamente Olga.

La sua ex moglie, il suo segreto, il suo più grande rimorso – per aver promesso di renderla felice e non esserci riuscito. Certo, ricordava ancora il suo tradimento, ma con il passare degli anni le emozioni si erano placate, e Leonardo sentiva soprattutto la responsabilità per il fallimento del matrimonio.

Raccolse il coraggio e disse:

– Olga, che incontro inaspettato. Sono felice di vederti.

Sgranando gli occhi azzurri per la sorpresa, Olga scostò una ciocca di folti capelli ramati e lo guardò stupita:

– Oh, che incontro! Non ci vediamo da una vita! Ho prenotato un tavolo al ristorante, mi fai compagnia?

Si avviò verso il tavolo, e Leonardo si unì alla sua ex.

– Cosa ci fai qui? – chiese Olga sorseggiando un tonico fresco.

– Ho avuto un incontro importante qui, – sorrise Leonardo, – e tu come mai sei qui?

– Oh, non ci crederesti! – disse lei guardando sognante in alto, – sono successe tante cose! In breve, ho aperto una mia azienda! Come volevo! E anch'io sono qui per lavoro.

– Olga, – disse l'uomo abbassando lo sguardo, – posso chiederti un favore?

– Che tipo di favore? – chiese la rossa guardando con interesse l'ex marito.

– Potresti… cenare con me questa sera? Ora ho un incontro programmato, ma questa sera mi piacerebbe parlare ancora un po’ con te.

Avvolgendo un ricciolo attorno al dito, Olga lo guardò attentamente:

– Beh, se non ti conoscessi, considererei una simile richiesta estremamente scortese. Ma non vedo motivi per rifiutare a un vecchio amico.

Osservando la sua ex moglie, Leonardo si perse nei suoi pensieri. In quel momento dimenticò completamente l'ambiente circostante, Lisa, il lavoro.

Nel suo cuore qualcosa tremò involontariamente.

Possibile che provasse ancora sentimenti per la sua ex moglie? Dopo tutti questi anni… non può essere…

Leonardo cercava di scacciare quei pensieri traditori.

«Dannazione! Devi concentrarti! A cosa stai pensando, dannazione!?».                                                             

Comments

No comments has been added on this post

Add new comment

You must be logged in to add new comment. Log in
Categories
Racconti romantici
Narrazioni brevi che esplorano temi di amore e sentimenti, mettendo in risalto le emozioni, le passioni e le relazioni tra i personaggi.
Lately commented
Sei una agenzia? Creare un account
Utente non registrato
Ciao wave
Benvenuto! Accedi o registrati